Museo Bizantino korfu

Museo Bizantino


Se vi siete presi un giorno di riposo dalle splendide spiagge dell’isola e avete deciso di perdervi tra le strade di Corfù alla ricerca di bellezze storiche ed artistiche, vi consigliamo di fare una tappa al Museo Bizantino della città. Situato lungo la strada costiera, tra la Fortezza Vecchia ed il Porto Antico, questo particolarissimo museo ha sede nella chiesa di Panagia Antivouniotissa, uno tra gli edifici sacri più antica dell’intera cittadina, datata attorno al XV secolo. Si tratta di una meravigliosa basilica che conserva al suo interno splendide pitture ed icone piuttosto rare. Nel 1709, quando venne donata alo Stato Greco, questo decise di trasformarla in un museo dove poter esporre le testimonianze della civiltà bizantina sull’isola.
La storia dell’arte bizantina nell’isola è alquanto particolare. Sotto il dominio veneziano, fu Creta il più importante centro artistico dell’intera Grecia ma, per la sua particolare posizione, Corfù è sempre stato un luogo di passaggio per quegli artisti diretti da Creta fino a Venezia. E così, quando la stessa Creta fu presa dagli Ottomani, gli artisti bizantini decisero di rifugiarsi a Corfù, lasciando qui importanti testimonianze che ora sono conservate nel Museo Bizantino dell’isola. Si tratta di una splendida collezione di reliquie ed icone bizantine e post-bizantine, che ripercorrono ben cinque secoli dell’arte religiosa della zona. Su due diversi piani avrete così l’occasione di ammirare gioielli, oggetti in argento, abiti accuratamente ricamati e incredibili tesori bizantini. Tanto più che la stessa chiesa di Panagia Antivouniotissa vi stupirà con le sue decorazioni parietali ed icone caratteristiche, per raccontarvi la storia di una città che ha vissuto un passato glorioso pur trovandosi in una piccola isola.
La soluzione ideale è sicuramente quella di inserire una visita al Museo Bizantino in un itinerario di viaggio ben più ampio, che tocchi non solo i poli museali della città, ma anche i siti archeologici di maggiore interesse. Se decidete di muovervi a piedi tra le bellezze di Corfù, è importante che partiate ben equipaggiati, perché probabilmente vi troverete a camminare sotto al sole per molte ore. Ricordatevi quindi di indossare scarpe comode (meglio se da ginnastica) ed un abbigliamento consono per entrare a visitare edifici di carattere ecclesiastico, per cui vi suggeriamo di evitare vestiti troppo corti o pantaloncini sgambati. Il prezzo di ingresso al museo è veramente irrisorio rispetto alla collezione che vi dà l’occasione di ammirare, per cui vi consigliamo di lasciarvi conquistare dalla bellezza artigianale di queste icone sacre.