Pantokrator

Pantokrator


Un’isola splendida come Corfù non vanta solo spiagge dalla sabbia fine e dall’acqua cristallina, o siti archeologici ed architetture che ne raccontano la storia, ma anche meravigliosi paesaggi naturali che attirano qui i visitatori amanti di trekking ed escursioni, ma anche fotografi appassionati che vogliono immortalare questi panorami mozzafiato. Ed è proprio questo il caso del monte Pantokrator, la vetta più alta dell’isola (ben 906 metri) che si trova nella regione nord-orientale di Corfù, a circa un’ora di macchina dal capoluogo.
Se per un giorno volete tralasciare il mare turchese o le gite culturali, preparate il vostro zaino e stabilite l’itinerario da seguire per partire alla scoperta del monte Pantokrator. Potete semplicemente raggiungere la cima in macchina o in taxi, ma se davvero siete mossi da uno spirito avventuriero, perché non decidere di noleggiare una bicicletta e prendere il sentiero che sale su fino alla montagna? Se invece volete ammirare la natura circostante e passeggiare lungo sentieri circondati da boschi, allora la soluzione perfetta è quella di muoversi a piedi, sempre ricordandovi di portare con voi uno zaino che sia ben equipaggiato. È importante che abbiate sempre con voi dell’acqua e delle vivande, magari una torcia nel caso in cui vi capiti di tornare quando cala il sole (cosa che sconsigliamo vivamente se non siete esperti camminatori) o un kway per ripararsi da eventuali piogge o raffiche di vento.
Gli itinerari che potete percorrere sono diversi tra loro ed attraversano graziosi paesi dell’entroterra dove vale la pena fermarsi per degustare prodotti tipici locali e per toccare con mano la tradizione popolare dell’isola. Potete scegliere di partire dalla costa ed attraversare i paesini di Spartilas e Strinilas per raggiungere il monte Pantokrator. In questo caso vi consigliamo una tappa nel villaggio di Strinilas per degustare il dolce moscato locale in una delle taverne del posto, prima di procedere con la salita ed arrivare sulla cima. Un altro percorso parte invece dal villaggio di Sidari ed attraversa i caratteristici paesini dell’entroterra, per poi arrivare finalmente a Pantokrator.

Per chi invece decidesse di muoversi a piedi, è possibile seguire dei sentieri segnati che partono da Vecchia Perithia, un antico villaggio del XIV secolo. Vi ci vorranno ben tre ore di cammino su strade circondate dalla natura rigogliosa ma, una volta arrivati sulla cima, tutte le vostre fatiche saranno ripagate. Qui godrete infatti della migliore vista panoramica di tutta l’isola, che spazia addirittura fino alla Grecia e all’Albani da un lato, e fino all’isola di Paxos dall’altro. Addirittura, nelle giornate in cui cielo e mare sono particolarmente limpidi, pare sia possibile spingere lo sguardo fino alla parte più meridionale della Puglia. Una volta sulla cima, godetevi la vista e visitate anche lo splendido monastero del XVII secolo che si trova qui arroccato, e immortalate queste bellezze quanto più potete con il vostro smartphone.